Il trattamento standard per il melanoma in stadio I consiste di una operazione chirurgica e a volte anche della biopsia del linfonodo sentinella, a seconda del parere del medico.

Trattamento Scopo
Chirurgia Rimuovere ogni parte del tumore dopo la biopsia. La procedura è definita “escissione locale ampia”.Oltre al tumore il chirurgo rimuove per misura precauzionale il cosiddetto margine chirurgico, ovvero un’area di cute e sottocute sana circostante a quella tumorale. L’ampiezza del margine dipende dallo spessore del tumore primario.Ad oggi si adottano le linee guida suggerite da varie istituzioni come il Programma per il Melanoma dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Utilizzando tali linee guida i chirurghi possono asportare margini più ridotti rispetto al passato, così da preservare una porzione di cute maggiore. Tuttavia, quando sono necessarie ampie escissioni possono essere utilizzate anche procedure di innesto cutaneo.
  • Stadio IA: 1 cm di margine per tumori che hanno uno spessore di Breslow di 1mm o meno.
  • Stadio IB: 1 cm di margine per tumori che hanno uno spessore di Breslow compreso tra 1.1 mm e 2.0 mm.

Per maggiori informazioni circa la chirurgia clicca qui.

Biopsia del linfonodo sentinella(SLNB) E’ più accurata quando effettuata prima dell’escissione locale ampia sopra citata.Raccomandata in pazienti con:
  • Se il melanoma ha le dimensioni di 1 mm o più grande
  • In presenza di ulcerazione
  • Presenza da lmeno 1  mitosi per mm2

Obiettivo:

  • Determinare se le cellule cancerose si sono diffuse ai linfonodi sentinella, cioè il primo linfonodo deputato a ricevere il drenaggio dal tumore primario, e quindi il primo sito in cui il melanoma si diffonde.
  • Il trattamento successivo dipenderà dall’esito, positivo o meno, della biopsia

Per maggiori informazioni circal la biopsia del linfonodo sentinella clicca qui.

Per maggiori informazioni circa cosa fare dopo la cura del melanoma in stadio I clicca qui.