A differenza di molti tipi di cancro con un sistema di stadiazione numerico, il cancro della pelle a cellule squamose (SCSC) segue una categorizzazione unica basata sulla valutazione del rischio del tumore primario. Questo esclusivo sistema di stadiazione colloca la maggior parte delle SCSC in uno dei tre gruppi: a basso rischio, ad alto rischio o a rischio molto elevato. Le opzioni di trattamento si basano quindi su ciascuna categoria per prevenire la recidiva e la diffusione oltre il tumore iniziale. La posizione e le dimensioni del tumore sono la base per questa categorizzazione.

Molto raramente i tumori SCSC metastatizzano o si diffondono oltre al sito iniziale. Alcune cellule tumorali possono essere rilevate nei linfonodi regionali. I tumori che si diffondono ben oltre la sede primaria richiedono procedure di trattamento più complicate. Il fattore di rischio più elevato presente verrà utilizzato per assegnare lo stadio del cancro.

Cancro cutaneo a cellule squamose locale, a basso rischio

Le SCSC classificate come a basso rischio sono anche chiamate primarie e non sono tumori ricorrenti. È più probabile che si sviluppino sul tronco e sulle estremità e hanno una dimensione inferiore a due centimetri (cm) e una profondità di due millimetri (mm). È improbabile che questi piccoli tumori ritornino o diventino metastatici. Hanno bordi ben definiti e non sono invasivi.

Cancro locale della pelle a cellule squamose ad alto rischio

Il gruppo di SCSC classificate come ad alto rischio presenta un rischio elevato di recidiva locale. Hanno maggiori probabilità di metastatizzare rispetto al gruppo a basso rischio. Questi tumori hanno dimensioni comprese tra due e quattro cm e sono associati a una sopravvivenza della malattia più scarsa. Le SCSC ad alto rischio hanno bordi scarsamente definiti e crescono rapidamente.

Le SCSC ad alto rischio compaiono spesso nell’area della testa e del collo, comprese le orecchie e le labbra. Oltre alla testa e al collo, anche le SCSC che si sviluppano sulle mani e sui piedi o sulle aree pretibiale (stinco) e anogenitale (ano e genitali) sono a maggior rischio di recidiva locale e metastasi linfonodali, indipendentemente dalle dimensioni. Eventuali tumori recidivati sono definiti ad alto rischio. Sono considerati ad alto rischio anche i tumori che hanno invaso profondamente il derma cutaneo o il grasso sottocutaneo a una profondità compresa tra 2 e 6 mm.

La categorizzazione ad alto rischio può applicarsi anche a persone con immunosoppressione da trapianto di organi, HIV, linfoma o leucemia linfocitica cronica (LLC). Se il SCSC si verifica in un sito di infiammazione cronica o precedente radioterapia, è considerato ad alto rischio. I sintomi neurologici potrebbero essere evidenti nelle persone con SCSC ad alto rischio.

Cancro locale della pelle a cellule squamose ad altissimo rischio

Il gruppo ad altissimo rischio presenta rischi considerevoli di recidiva locale e metastasi di SCSC, più dei gruppi a basso e alto rischio. Qualsiasi tumore SCSC con un diametro superiore a quattro cm è considerato ad altissimo rischio di recidiva, indipendentemente dalla sua posizione. I tumori di dimensioni superiori a cinque cm hanno un’associazione significativa con il cancro rilevato nei linfonodi. A rischio molto elevato ha invaso in profondità, più di sei mm oltre il grasso sottocutaneo.

La classificazione ad altissimo rischio è contrassegnata dal coinvolgimento dei sistemi linfatici o vascolari e non dalla semplice localizzazione nel sito cutaneo originale. Ciò significa che le cellule tumorali si trovano nei linfonodi, i piccoli filtri del sistema immunitario situati in tutto il corpo o nel sistema sanguigno. Se i tumori SCSC si sono allontanati dalla pelle, si parla di “malattia linfonodale”, la cui gravità varia in base alle dimensioni, al numero e alla posizione dei linfonodi con cellule tumorali. Il tuo team sanitario determinerà l’entità della diffusione attraverso l’imaging e le biopsie.

Cancro cutaneo a cellule squamose regionale o metastatico

In rari casi, le SCSC possono svilupparsi oltre il sito primario locale sulla pelle. Potrebbe essersi diffuso nell’area (regionale) ai linfonodi o in siti distanti (metastasi). Tra i tumori SCSC inferiori o uguali a due millimetri (mm) di spessore, il tasso di metastasi è solitamente dello 0%. Per i tumori SCSC maggiori di due mm e fino a sei mm di spessore, il tasso di metastasi è di circa il 4% e per i tumori più spessi di sei mm, il tasso è di circa il 16%. L’esame clinico delle biopsie e delle immagini all’interno del corpo confermerà l’entità della diffusione della malattia.