Gli obiettivi del trattamento del cancro della pelle a cellule squamose (SCSC) sono rimuovere il tumore, preservare la funzione e prevenire danni alla pelle. La maggior parte delle persone con diagnosi di SCSC può essere curata asportando o rimuovendo chirurgicamente il tumore. Senza trattamento, possono svilupparsi ulteriori danni alla pelle e tumori potenzialmente letali.

Di seguito sono riportate le descrizioni dei trattamenti approvati e disponibili per SCSC. È importante notare che non tutte le opzioni di trattamento descritte si applicano a ogni situazione. I tuoi operatori sanitari determineranno quali trattamenti si applicano al tuo SCSC.

Curettage ed elettroessiccazione

Per il curettage e l’elettroessiccazione, il medico raschia il cancro dalla pelle con uno strumento affilato e ad anello chiamato curette, quindi cauterizza immediatamente il sito.
L’elettroessiccazione, la seconda fase, previene il sanguinamento nel sito senza l’uso di suture e brucia le cellule tumorali residue. Il sito ferito verrà quindi coperto con una garza e guarirà con il tempo. Questa procedura è una tecnica efficace per SCSC a basso rischio. Le aree con crescita di peli non sono adatte per questa tecnica a causa del rischio di rimozione inadeguata del tumore e del conseguente rischio di diffusione.

Escissione con rasatura o escissione chirurgica standard

Con queste tecniche il medico rimuove la lesione cutanea sospetta. La differenza tra i nomi include la quantità di tessuto rimosso, se sono necessari punti di sutura per la ferita e se si svilupperà una cicatrice evidente. Le tecniche presentano altre piccole differenze negli strumenti utilizzati.

L’escissione con rasatura è superficiale o più vicina alla superficie della pelle e di solito si applica a lesioni piccole e a basso rischio. Un’escissione chirurgica standard rimuove più tessuto, potrebbe richiedere sutura e produce una cicatrice evidente.

L’escissione standard è raccomandata come trattamento primario per le SCSC a basso rischio. È raccomandato per i pazienti ad alto o molto alto rischio se la chirurgia micrografica di Mohs non è disponibile.

Per l’escissione, la lesione epidermica o dermica viene rimossa affettando la pelle. L’escissione è una procedura rapida che può essere eseguita in ufficio. L’area viene anestetizzata con l’anestesia locale prima di rimuovere la lesione con un bisturi o un’ansa elettrochirurgica. L’emorragia viene immediatamente interrotta con una soluzione speciale applicata localmente sul sito o con punti di sutura prima di posizionare una benda sulla ferita.

Per SCSC a basso rischio inferiore a due cm di diametro, la lesione deve essere rimossa con quattro mm di tessuto che circondano il tumore. Se la lesione a basso rischio è maggiore di due cm, sono necessari sei mm di tessuto che circonda il tumore per rimuovere le cellule tumorali insieme ad alcune cellule normali.

Dopo aver rimosso il tessuto, il campione viene inviato ad un laboratorio per l’esame, dove verrà valutato per assicurarsi che tutto il cancro sia stato rimosso lungo i margini del tumore. Sul referto patologico, i termini negativo, pulito, non coinvolto o margini chiari indicano che il tumore è circondato da tessuto normale ed è stato adeguatamente rimosso. Se le aree intorno al tumore non mostrano cellule sane, potrebbe essere necessaria un’ulteriore escissione durante un altro appuntamento per ottenere margini chiari. Altre tecniche possono essere raccomandate se si osservano margini positivi.

Anche con margini chiari, potresti essere raccomandato per cure di follow-up di routine dopo questo risultato. In alcuni casi, la ricostruzione, la riparazione dei tessuti o l’innesto cutaneo vengono eseguiti dopo aver ottenuto margini chiari.
L’escissione standard con valutazione del margine ha un tasso di guarigione migliore rispetto al curettage e all’elettroessiccazione.

Chirurgia micrografica di Mohs

La chirurgia di Mohs è l’opzione di trattamento preferita per le persone con SCSC a basso, alto e altissimo rischio perché consente ai medici di ottenere una rimozione completa di tutte le cellule tumorali osservate. Per le SCSC confinate alla pelle, i risultati dell’intervento di Mohs mostrano un numero significativamente inferiore di recidive tumorali rispetto all’escissione standard. Mohs migliora i risultati della rimozione di tutte le cellule tumorali presenti perché il processo richiede un continuo riesame del tessuto. Sebbene sia una tecnica superiore, richiede uno specialista certificato e non è appropriata in tutti i casi.

L’intervento di Mohs prevede la rimozione di sottili strati di pelle uno strato alla volta e l’esame di ogni strato al microscopio per determinare se rimane qualche cancro. Mohs incorpora un processo mediante il quale il tessuto rimosso chirurgicamente viene attentamente mappato, codificato a colori ed esaminato al microscopio. La mappatura consente al chirurgo di individuare la posizione delle cellule sull’immagine nel sito cutaneo. I bordi e la superficie inferiore del tessuto mappato vengono quindi esaminati al microscopio per determinare se queste aree contengono cellule normali o tumorali. Se compaiono cellule tumorali, la mappa specifica la regione che richiede ulteriore rimozione del tessuto. La futura escissione avverrà solo da quel sito, risparmiando il tessuto sano che altrimenti potrebbe essere rimosso. Viene prelevato un altro strato dal sito delle cellule tumorali e il processo viene ripetuto. L’intervento di Mohs è completo una volta che i bordi del tessuto e la superficie inferiore sono privi di cellule tumorali.

Radioterapia

La radiazione comporta la concentrazione di un raggio di energia sul tumore. Le intense radiazioni causeranno ingenti danni all’interno delle cellule tumorali, che le porteranno alla morte. Questo tipo di terapia viene somministrato da uno specialista in radiazioni presso un ospedale o un centro di cura e può durare sei o più settimane.

Gli schemi di radioterapia variano da paziente a paziente e il trattamento può essere effettuato quotidianamente o da due a quattro trattamenti a settimana, a seconda del caso.

Per rimuovere le SCSC sulla pelle si preferisce la chirurgia o l’escissione, ma le radiazioni possono essere utilizzate come trattamento primario per le SCSC a basso, ad alto rischio e ad altissimo rischio. È necessaria cautela quando si utilizza questo trattamento perché aumenta il rischio di sviluppare un cancro della pelle secondario all’interno del campo di radiazioni.
Possono anche verificarsi conseguenze estetiche negative, come cambiamenti nella pigmentazione della pelle, dilatazione dei vasi sanguigni, ulcere non cicatrizzate, morte dei tessuti e cicatrici. La radioterapia non è appropriata per gli individui che hanno ereditato condizioni genetiche che li predispongono al cancro della pelle perché le radiazioni possono causare il cancro.

Se dopo l’intervento vengono rilevati margini positivi con cellule tumorali, la radioterapia può essere raccomandata come terapia “adiuvante” (ovvero aggiuntiva o integrativa) perché migliora l’esito del trattamento. La radioterapia può essere utilizzata per i pazienti che non possono essere sottoposti a intervento chirurgico o che hanno una malattia residua per cui non è possibile un ulteriore intervento chirurgico. Un radioterapista determinerà le opzioni appropriate per la radioterapia in ciascun caso.

Sono disponibili diverse varianti della radioterapia. Varie opzioni di fasci esterni trattano efficacemente le SCSC e hanno risultati estetici e di sicurezza simili. Il frazionamento prolungato o la somministrazione di dosi più basse e la loro distribuzione nel tempo possono essere utilizzati per aree scarsamente vascolarizzate o cartilaginee. Il dosaggio e la tempistica unici migliorano i risultati cosmetici con un frazionamento prolungato. La brachiterapia, utilizzando radiazioni basate su isotopi impiantati, può essere efficace per le SCSC sulla testa e sul collo. Tuttavia, i dati sull’efficacia e sulla sicurezza a lungo termine sono insufficienti per supportare l’uso di routine della brachiterapia elettronica di superficie.

Trattamenti precancerosi applicati alla pelle

Nei pazienti con tumori precancerosi SCSC, chiamati cheratosi attiniche, esistono molte opzioni per la terapia topica. Questi includono le opzioni seguenti. I retinoidi orali, ma non topici, possono anche essere efficaci nel ridurre le SCSC e le cheratosi attiniche in alcuni pazienti, sebbene questi farmaci abbiano effetti collaterali.

Il 5-fluorouracile è una chemioterapia tradizionale ma viene fornito in più di una formulazione, a seconda del tipo di cancro per il quale è necessario. Per il cancro della pelle, può essere applicato come crema topica direttamente sulla pelle due volte al giorno per distruggere le cheratosi attiniche. Il 5-fluorouracile
topico è un metodo non invasivo e non deturpante per uccidere le cellule tumorali della pelle. La soluzione topica viene assorbita dalle cellule tumorali, che scambiano il 5-fluorouracile per un metabolita di cui hanno bisogno per assemblare il DNA. Le cellule tumorali non possono utilizzare il 5-fluorouracile per produrre DNA e moriranno a causa della mancanza di questo componente fondamentale.

Il 5-fluorouracile/calcipotriolo (calcipotriene) è una miscela di unguento topico di crema di 5-fluorouracile e calcipotriene. Il calcipotriolo è un derivato della vitamina D e si ritiene che rafforzi il sistema immunitario. Rispetto alla crema al 5-fluorouracile, la miscela riduce la durata del trattamento da giorni a settimane e ne migliora l’efficacia. Un piccolo numero di pazienti ha riferito bruciore, pizzicore, formicolio ed eruzione cutanea con calcipotriene. Nel complesso, l’unguento combinato riduce l’irritazione e l’infiammazione rispetto alla crema al fluorouracile senza calcipotriolo.

L’imiquimod è un farmaco che attiva e amplifica il sistema immunitario. È prescritto come crema topica per le cheratosi attiniche. Generando una reazione del sistema immunitario nei siti cutanei in cui viene applicato esternamente, l’imiquimod provoca la morte delle cellule precancerose. L’applicazione può essere effettuata più volte alla settimana per un massimo di sei settimane, a seconda dei casi. Alcune applicazioni di imiquimod potrebbero durare più a lungo. La pelle può reagire con eruzione cutanea, bruciore o dolore nel sito di applicazione.

La tirbanibulina è una soluzione topica per il trattamento della cheratosi attinica sul viso e sul cuoio capelluto. L’obiettivo è impedire che queste lesioni si sviluppino in SCSC invasivo. La tirbanibulina viene applicata una volta al giorno per cinque giorni consecutivi. Impedisce alle cellule tumorali di dividersi in più cellule e alla fine moriranno. Alcune persone avvertiranno lieve desquamazione, eruzione cutanea o dolore nel sito di applicazione.

Il diclofenac è un agente antinfiammatorio non steroideo utilizzato da tempo e utilizzato per ridurre il dolore e l’infiammazione. Si applica come unguento due volte al giorno per 60-90 giorni per il trattamento topico delle cheratosi attiniche. Alcuni pazienti avvertiranno irritazione cutanea nel sito di applicazione. Il modo in cui agisce questo farmaco deve ancora essere completamente compreso, ma è probabilmente dovuto alla sua capacità di ridurre i processi infiammatori nelle cellule.

Il peeling chimico con acido tricloroacetico può essere appropriato per le persone con cheratosi attiniche estese sul viso e sul cuoio capelluto. Questo trattamento deve essere eseguito da un professionista e causerà il distacco dello strato superiore della pelle. Il medico può somministrarti un sedativo e un leggero antidolorifico prima di applicare l’acido tricloroacetico sull’area. Gli effetti del peeling causeranno irritazione e arrossamento sulla pelle del viso fino a un mese.
Dopo la guarigione della ferita, alcuni pazienti riferiscono un miglioramento dei risultati estetici oltre alla rimozione della lesione.

La terapia fotodinamica combina la medicina con la luce per uccidere le cellule tumorali. Nella prima parte di questa tecnica viene prescritto un farmaco che successivamente sensibilizzerà le cellule tumorali alla luce. Esempi di questo medicinale includono acido 5-aminolevulinico e porfimer sodico. Ci vogliono un giorno o due perché le cellule tumorali assorbano il medicinale fotosensibilizzante. Quindi, una luce con una lunghezza d’onda di energia specifica viene focalizzata sull’SCSC. Questo processo crea radicali liberi tossici dell’ossigeno all’interno delle cellule tumorali, che le uccidono.
I tumori superficiali (quelli piccoli e/o non profondi) sono ideali per questa terapia. La luce non può penetrare completamente nei tumori profondi o di grandi dimensioni.

Farmaci per il cancro della pelle a cellule squamose regionale e metastatico

I due trattamenti più comunemente approvati e disponibili per il SCSC regionale e metastatico sono cemiplimab (Libtayo) e pembrolizumab (Keytruda). Entrambe sono terapie sistemiche (quelle che si diffondono in tutto il corpo per curare il cancro) e possono essere combinate con altri tipi di terapia. Il tuo regime sarà raccomandato in base al tipo di cancro.

Cemiplimab (Libtayo) è un farmaco per via endovenosa indicato per il trattamento di pazienti con SCSC che si è diffuso localmente o SCSC metastatico che non sono candidati alla chirurgia curativa o alla radioterapia curativa. Cemiplimab è un farmaco progettato per generare una reazione del sistema immunitario contro le cellule tumorali. Questo farmaco è approvato per altri tipi di cancro della pelle e per il cancro del polmone non a piccole cellule. Cemiplimab viene somministrato in clinica o in ospedale tramite infusione endovenosa della durata di 30 minuti. Può essere utilizzato ogni tre settimane per un massimo di due anni. Se questo farmaco viene assunto da solo, le reazioni avverse più comuni includono eruzione cutanea, prurito, diarrea, affaticamento, dolore muscolare/articolare e/o disfunzione ghiandolare. Le avvertenze che accompagnano questo farmaco includono la possibilità di reazioni infiammatorie gravi, potenzialmente pericolose per la vita, una reazione durante l’infusione e tossicità embrionale. Cemiplimab non può essere usato durante la gravidanza o l’allattamento e tutte le misure per prevenire la gravidanza devono essere seguite rigorosamente.

Pembrolizumab (Keytruda) è un farmaco per via endovenosa approvato per il trattamento di pazienti con SCSC ricorrente o metastatico o SCSC localmente avanzato che non è curabile mediante intervento chirurgico o radioterapia. Viene somministrato dal personale sanitario in una clinica o in un ospedale alla dose di 200 mg ogni tre settimane o 400 mg ogni sei settimane per un massimo di due anni. Questo farmaco viene somministrato a pazienti con molti altri tumori.
Pembrolizumab agisce rigenerando il sistema immunitario, permettendogli di riconoscere il danno che le cellule tumorali stanno causando nel tuo corpo, attivare altre cellule immunitarie e combattere per eliminare il tumore. Gli effetti collaterali di questo farmaco sono generalmente simili a lievi reazioni allergiche e infiammazioni a causa della stimolazione del sistema immunitario e possono includere eruzioni cutanee, problemi intestinali, problemi agli organi e reazioni all’infusione.
Di solito, questi sono lievi ma potrebbero comportare la sospensione del farmaco.

Studi clinici

A seconda del tipo di SCSC, una sperimentazione clinica potrebbe essere aperta alle iscrizioni ed è opportuno prenderla in considerazione. Le sperimentazioni cliniche sono studi di ricerca sperimentale che testano un nuovo approccio o terapia sotto la guida di medici e di un comitato di revisione medica.
Questi studi sono del tutto facoltativi per i pazienti. Se i trattamenti attuali e approvati non trattano efficacemente il cancro, potrebbe essere utile indagare sulle opzioni di sperimentazione clinica.