L’obiettivo finale del trattamento del carcinoma basocellulare (BCC) è rimuovere completamente il tumore con un impatto minimo sull’area circostante. Le tecniche chirurgiche che rimuovono i BCC sono il metodo più efficace per ottenere la guarigione. Le preoccupazioni più significative con il trattamento chirurgico includono la distruzione dei tessuti e la potenziale deturpazione della pelle che può derivare dalla rimozione del cancro insieme al tessuto sano sui bordi del cancro.

Avrai un piano di trattamento personalizzato in base alla posizione e alla classificazione del tuo tumore. Generalmente, i BCC hanno un tasso estremamente basso di metastasi, inferiore allo 0,1%, e una prognosi eccellente. Ad esempio, il tasso di sopravvivenza a 5 anni per la maggior parte dei BCC localizzati è vicino al 100%. Il tuo medico pianifichera una strategia di trattamento adeguata dopo aver ricevuto il rapporto patologico con i dettagli sul tuo BCC.

Quali sono le opzioni di trattamento per il carcinoma basocellulare?

Di seguito sono riportate le descrizioni dei trattamenti approvati e disponibili per BCC. E importante notare che non tutte le opzioni di trattamento descritte si applicano a ogni situazione.
Il tuo medico determinera quali trattamenti si applicano al tuo BCC.

Curettage ed elettroessiccazione

Per il curettage e I’elettroessiccazione, il medico raschia il cancro dalla pelle con uno strumento affilato e ad anello chiamato curette, quindi cauterizza immediatamente il sito. L’elettroessiccazione, la seconda fase, previene il sanguinamento nel sito senza l’uso di suture e brucia le cellule tumorali residue. Il sito ferito verrà quindi coperto con una garza e guarirà con il tempo. Questa procedura è una tecnica
efficace per lesioni superficiali come il BCC a basso rischio. I BCC ad alto rischio e le aree con crescita di peli non sono adatti per questa tecnica a causa della potenziale rimozione inadeguata del tumore e del rischio di diffusione.

Escissione da rasatura

In questa tecnica, la lesione epidermica o dermica viene rimossa mediante un taglio orizzontale netto della pelle. È una procedura rapida che può essere eseguita in uno studio medico. L’area viene anestetizzata con l’anestesia locale prima di rimuovere la lesione con un bisturi o un’ansa elettrochirurgica. L’emorragia viene immediatamente interrotta con una soluzione speciale applicata localmente sul sito prima di posizionare una benda sulla ferita. L’escissione con rasatura è consigliata per i BCC a basso rischio rilevati sul tronco o su altre estremità. Con questa tecnica non vengono rimossi strati
di grasso, tessuto sottocutaneo e tessuto più profondo. Non è adatto per tumori pigmentati, cisti o aree problematiche profonde. Potrebbe anche lasciare una notevole cicatrice bianca.

Dopo aver rimosso il tessuto, il campione viene inviato ad un laboratorio per I’esame, dove verrà valutato per assicurarsi che tutto il cancro sia stato rimosso lungo i margini del tumore. Sul referto patologico, i termini negativo, pulito, non coinvolto o margini chiari indicano che il tumore è stato adeguatamente rimosso ed è circondato da tessuto normale. Se le aree intorno al tumore non mostrano cellule sane, potrebbe essere necessaria un’ulteriore escissione durante un altro appuntamento per ottenere margini chiari.

Chirurgia micrografica di Mohs

La chirurgia di Mohs è la tecnica preferita per la rimozione del BCC ad alto rischio e la riescissione del BCC a basso rischio. Gli studi hanno dimostrato che dopo il trattamento, meno persone hanno BCC ricorrenti se è stata utilizzata la chirurgia di Mohs rispetto all’escissione standard. Sebbene possa essere una tecnica superiore, richiede uno specialista certificato a Mohs e non è adatta a tutti i casi.

L’intervento di Mohs prevede la rimozione di sottili strati di pelle uno strato alla volta e I’esame di ogni strato al microscopio per determinare se rimane qualche cellula cancerogena. L’intervento di Mohs incorpora un processo mediante il quale il tessuto rimosso chirurgicamente viene attentamente mappato, codificato a colori ed esaminato al microscopio. La mappatura consente al chirurgo di individuare la posizione delle cellule sull’immagine nel sito cutaneo. I bordi e la superficie inferiore del tessuto mappato vengono quindi esaminati al microscopio per determinare se queste aree contengono cellule normali o tumorali. Se compaiono cellule tumorali, la mappa specifica la regione che richiede ulteriore rimozione del tessuto. La futura escissione avverrà solo da quel sito, risparmiando il tessuto sano che altrimenti potrebbe essere rimosso. In seguito, viene prelevato un altro strato dal sito delle cellule tumorali e il processo viene ripetuto. L’intervento di Mohs è completo una volta che i bordi del tessuto e la superficie inferiore sono totalmente privi di cellule tumorali.

Radioterapia

La radiazione comporta la concentrazione di un raggio di energia sul tumore. Le intense radiazioni causeranno ingenti danni all’interno delle cellule tumorali, che le porteranno alla morte. Questo tipo di terapia viene somministrato da uno specialista in radiazioni presso un ospedale o un centro di cura e può durare sei o più settimane.

Gli schemi di radioterapia variano da paziente a paziente e il trattamento può essere effettuato quotidianamente o da due a quattro trattamenti a settimana, a seconda del caso.

Sebbene l’escissione chirurgica sia solitamente la prima opzione di trattamento, la radioterapia può essere utilizzata per i pazienti con BCC a basso, ad alto rischio o avanzato che non sono idonei all’intervento chirurgico. Può anche essere utilizzato nei pazienti come trattamento aggiuntivo dopo
I’escissione del BCC se il cancro è ad alto rischio o avanzato o se rimane una malattia residua. Non è appropriato per gli individui che hanno ereditato condizioni genetiche che li predispongono al cancro della pelle perché le radiazioni possono causare il cancro.

Crioterapia

Cryo” prima della parola “terapia” significa letteralmente terapia del freddo, un trattamento che prevede cicli di gelo e disgelo. Questa tecnica rimuove un BCC spruzzandolo o tenendolo a contatto con azoto liquido, un liquido congelante, per 30-60 secondi. Il processo può essere ripetuto dopo una pausa per lo scongelamento. L’azoto liquido è a -320 ° F, che è sufficientemente freddo da danneggiare i normali tessuti umani. Questa tecnica viene utilizzata per congelare e uccidere il tumore. Questa tecnica rapida può essere utilizzata al posto dell’intervento chirurgico per rimuovere piccoli BCC. I pazienti con BCC piccoli, a basso rischio o superficiali possono essere idonei alla crioterapia.

Terapia fotodinamica

La terapia fotodinamica combina la medicina con la luce per uccidere le cellule tumorali. Nella prima parte di questa tecnica viene prescritto un farmaco che successivamente sensibilizzerà le cellule tumorali alla luce. Esempi di questo medicinale includono acido 5-aminolevulinico e porfimer sodico.

Ci vogliono approssimativamente un giorno o due perché le cellule tumorali assorbano il medicinale fotosensibilizzante. Quindi, una luce con una lunghezza d’onda di energia specifica viene focalizzata sulla BCC. Questo processo crea radicali liberi tossici dell’ossigeno all’interno delle cellule tumorali, che le uccidono. I tumori superficiali (quelli piccoli e/o non profondi) possono essere ideali per questa terapia. La luce non può penetrare completamente nei tumori profondi o di grandi dimensioni, il che rende la terapia fotodinamica inappropriata per i BCC ad alto rischio o avanzati.

Farmaci topici applicati sulla pelle

Nei pazienti con BCC a basso rischio o BCC superficiale o quando un paziente ha numerosi BCC in una regione specifica, possono essere utilizzati due farmaci sulla pelle: 5-fluorouracile e imiquimod. Questi farmaci topici sono anche opzioni alternative per i pazienti che non possono sottoporsi a un intervento chirurgico o a una radioterapia.
Il 5-fluorouracile topico è un metodo non invasivo e non deturpante per uccidere le cellule tumorali della pelle. La soluzione topica viene assorbita dalle cellule tumorali, che scambiano il 5-fluorouracile per un metabolita di cui hanno bisogno per assemblare il DNA. Le cellule tumorali non possono utilizzare il 5-fluorouracile per produrre DNA e moriranno a causa della mancanza di questo componente fondamentale. Inoltre impedisce alla cellula di produrre i componenti necessari del DNA.
L’imiquimod è un farmaco che attiva il sistema immunitario.
Per BCC è prescritto come crema topica. Generando una reazione del sistema immunitario nei siti cutanei in cui viene applicato esternamente, I’imiquimod provoca la morte delle cellule tumorali. A seconda dei casi, I’applicazione può essere effettuata più volte alla settimana per un massimo di sei settimane. Alcune applicazioni di imiquimod potrebbero durare più a lungo. La pelle può reagire con eruzione cutanea, bruciore o dolore nel sito di applicazione.

Farmaci per il carcinoma basocellulare avanzato

Tre farmaci sono approvati per casi specifici di BCC avanzato quando localmente avanzato, nodale e/o metastatico. Due medicinali, vismodegib (Erivedge) e sonidegib (Odomzo), sono disponibili sotto forma di pillola e sono inibitori mirati della crescita del BCC. Questi farmaci sono talvolta indicati come inibitori del riccio. Un altro farmaco, cemiplimab (Libtayo), viene somministrato tramite un’infusione endovenosa progettata per attivare il sistema immunitario.

Le capsule di Vismodegib (Erivedge) sono farmaci orali indicati per il trattamento di adulti con BCC metastatico o BCC localmente avanzato che si è ripresentato dopo un intervento chirurgico, o adulti che non sono candidati all’intervento chirurgico e che non sono candidati alla radioterapia. Questo farmaco blocca la crescita delle cellule BCC. Si assume ogni giorno alla dose raccomandata di 150 mg. Le reazioni avverse più comuni riportate dalle persone che assumono questo farmaco sono costipazione, diminuzione dell’appetito, diarrea, alterazione del gusto, affaticamento, perdita di capelli, rigidità articolare, spasmi muscolari, nausea, vomito e perdita di peso.
Gravi difetti alla nascita o morte embrionale sono un avvertimento che accompagna questo farmaco. Vismodegib non può essere usato durante la gravidanza o I’allattamento e tutte le misure per prevenire la gravidanza devono essere
seguite rigorosamente.