Cos’è il Melanoma in Stadio II?

Nel melanoma di stadio II, le cellule tumorali si trovano sia nel primo strato di pelle, l’epidermide, sia nel secondo strato di pelle, il derma. Il melanoma presenta un rischio più elevato rispetto allo stadio I, a causa della profondità del tumore o della presenza di ulcerazione, ma non vi è alcuna evidenza che il tumore si sia diffuso ai linfonodi o ai siti distanti (metastasi). Il melanoma in stadio II è un melanoma locale, il che significa che non si è diffuso oltre il tumore primario. Esistono tre sottogruppi di melanoma in stadio II: IIA, IIB e IIC. Il melanoma in stadio II è un melanoma invasivo, così come lo stadio I, III e IV; Lo stadio 0 non è considerato melanoma invasivo.

I sottogruppi sono IIA, IIB, IIC

  • Il melanoma in stadio II è definito dallo spessore del tumore (profondità di Breslow) e dall’ulcerazione
  • Non c’è diffusione ai linfonodi vicini o siti distanti
  • Rischio: da intermedio ad alto per diffusione regionale o distante

Caratteristiche del Melanoma in Stadio II

I melanomi di stadio II sono definiti da due caratteristiche primarie: spessore del tumore e ulcerazione.

Spessore del tumore (profondità di Breslow): quanto in profondità il tumore è penetrato nella pelle. Lo spessore è misurato in millimetri (mm). Questi confronti ti daranno un’idea delle dimensioni:

  • 1 mm = 0,04 pollici o meno di 1/16 di pollice, circa uguale al bordo di un penny
  • 2 mm = tra 1/16 e 1/8 di pollice, circa uguale al bordo di una monetina
  • 4 mm = tra 1/8 e 1/4 di pollice, circa uguale ai bordi di due monetine

Ulcerazione: quando l’epidermide (o lo strato superiore della pelle) che copre una parte del melanoma primario non è intatta. L’ulcerazione può essere vista solo al microscopio, non ad occhio nudo.

Sottogruppi di melanoma in stadio II

Esistono tre sottogruppi di melanoma in stadio II:

Fase II A

Il tumore ha uno spessore di 1,01 – 2,0 mm, con ulcerazione, O il tumore ha uno spessore di 2,01 – 4,0 mm, senza ulcerazione.
Non ci sono prove di diffusione ai linfonodi vicini.
Non ci sono prove di metastasi in siti distanti.

Fase II B

Il tumore ha uno spessore di 2,01 – 4,0 mm, con ulcerazione, OPPURE il tumore ha uno spessore superiore a 4,0 mm, senza ulcerazione.
Non ci sono prove di diffusione ai linfonodi vicini.
Non ci sono prove di metastasi in siti distanti.

Fase IIC

Il tumore ha uno spessore superiore a 4,0 mm, con ulcerazione.
Non ci sono prove di diffusione ai linfonodi vicini.
Non ci sono prove di metastasi in siti distanti.

Rischio: con il trattamento, il melanoma in stadio II è considerato a rischio da intermedio ad alto di recidiva locale o di metastasi regionali e a distanza.

Trattamento del Melanoma in Stadio II

Il trattamento del melanoma in stadio II può includere la chirurgia, la biopsia del linfonodo sentinella, l’immunoterapia e gli studi clinici.

Chirurgia

Il trattamento standard per il melanoma in stadio II è la chirurgia, chiamata ampia escissione locale. Lo scopo dell’intervento è rimuovere qualsiasi tumore rimasto dopo la biopsia.

In un’ampia escissione locale, il chirurgo rimuove qualsiasi tumore residuo dal sito della biopsia, dal margine chirurgico (un’area circostante di pelle apparentemente normale) e dal tessuto sottocutaneo sottostante, per accertarsi che l’intero tumore sia stato rimosso.

La larghezza del margine prelevato dipende dallo spessore del tumore primario. Le linee guida sui margini chirurgici adottate e raccomandate dal National Comprehensive Cancer Network (NCCN) per un’ampia escissione locale di melanomi primari vanno da 0,5 cm a 2 cm:

Biopsia del linfonodo sentinella (SLNB)

SLNB viene eseguito per determinare se eventuali cellule tumorali si sono diffuse al linfonodo sentinella, il primo linfonodo a ricevere il drenaggio dal tumore primario e il sito in cui i melanomi si diffondono per primi. La biopsia del linfonodo sentinella è raccomandata per tutti i tumori in stadio II, indipendentemente dalle dimensioni.

SLNB è più accurato quando i canali linfatici attorno al melanoma primario non sono stati disturbati da una precedente ampia escissione locale. Pertanto, nella maggior parte dei casi, se si dispone di un SLNB, il SLNB e l’ampia escissione locale vengono eseguiti in successione, con il SLNB eseguito per primo.

Se il tuo SLNB è positivo, ti verrà diagnosticato un melanoma in stadio III. Leggi qui per ulteriori informazioni sul melanoma in stadio III. Se il tuo SLNB è negativo, la tua diagnosi rimarrà di stadio II. Si raccomanda che i pazienti in stadio IIB e IIC vedano un oncologo medico, poiché esiste un trattamento approvato per lo stadio IIB e IIC, nonché studi clinici in corso. Il medico può raccomandare il trattamento.

Se sei in stadio IIA, il tuo medico ti consiglierà l’osservazione, monitorandoti attentamente per i segni di recidiva, come passo successivo.

Immunoterapia

Keytruda (pembrolizumab), un’immunoterapia, è approvato per l’uso nei pazienti con melanoma in stadio IIB e IIC di età pari o superiore a 12 anni, dopo la resezione completa del melanoma. L’approvazione si basa sui risultati di uno studio clinico di fase 3 che ha coinvolto 976 pazienti di nuova diagnosi in cui Keytruda ha mostrato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da recidiva (RFS), riducendo il rischio di recidiva della malattia o morte del 35% rispetto al solo placebo .

Studi clinici

Gli studi clinici sono studi di ricerca per valutare nuove terapie e migliorare la cura del cancro. Questi studi sono responsabili della maggior parte dei progressi nella prevenzione, nella diagnosi e nel trattamento del cancro. Se hai il melanoma, potresti essere idoneo a partecipare a una sperimentazione clinica. Diversi trattamenti per il melanoma in stadio IV sono attualmente in fase di sperimentazione negli studi clinici per lo stadio II:

  • Combinazioni di immunoterapia e immunoterapia progettate per rafforzare il sistema immunitario per combattere il ritorno del melanoma.
  • Terapie mirate e combinazioni terapeutiche mirate che agiscono bloccando la funzione della proteina BRAF mutata
  • Vaccini che possono migliorare la risposta immunitaria specifica al melanoma

Cosa Chiedere al Medico Circa il Melanoma in Stadio II

Quando il medico ti dice che hai il melanoma in stadio II, può essere travolgente. Ma è importante utilizzare il tempo con il medico per imparare quanto più possibile sul cancro. Ti fornirà informazioni importanti sulla tua diagnosi.

Spesso è utile portare un amico o un familiare con te all’appuntamento dal medico. Questa persona può dare supporto morale, porre domande e prendere appunti.

Le seguenti domande sono quelle che potresti voler porre al tuo medico. Ricorda, è SEMPRE giusto chiedere al tuo medico di ripetere o chiarire qualcosa che ha detto in modo che tu possa capirlo meglio. Potresti trovare utile stampare queste domande e portarle con te al tuo prossimo appuntamento.