Se sei progredito da una diagnosi in stadio precedente, il tuo trattamento includerà un’ampia escissione locale e forse la biopsia del linfonodo sentinella, tra gli altri trattamenti.

Per lo stadio IV in particolare, i trattamenti includono chirurgia, terapie sistemiche, radioterapia e studi clinici. La FDA ha approvato diversi nuovi farmaci che hanno mostrato miglioramenti nella sopravvivenza. Molti trattamenti sperimentali sono anche in fase di studio e potrebbero essere disponibili iscrivendosi a una sperimentazione clinica.

Chirurgia

La chirurgia può essere eseguita per rimuovere tumori cancerosi o linfonodi che si sono metastatizzati in altre aree del corpo, se sono pochi e/o causano sintomi. Le opzioni chirurgiche sono tipicamente limitate per i pazienti con melanoma metastatico e devono essere considerate attentamente nel contesto del decorso generale della malattia.

Terapie sistemiche

Il trattamento farmacologico è raccomandato per il melanoma in stadio IV. Solo uno degli agenti approvati dalla FDA per il melanoma metastatico viene somministrato localmente a lesioni specifiche (T-VEC), ma tutti gli altri trattamenti sono terapie sistemiche che attraversano il flusso sanguigno per raggiungere e distruggere le cellule del melanoma nel corpo. I trattamenti possono essere suddivisi in immunoterapie, terapie mirate e chemioterapia. I seguenti sono trattamenti approvati dalla FDA per il melanoma in stadio IV, ma alcuni sono usati raramente.

IMMUNOTERAPIE CON UN SINGOLO AGENTE
Imlygic (talimogene laherparepvec “T-Vec”)
Keytruda (pembrolizumab)
Opdivo (nivolumab)
Proleukin / IL-2 (interleukin-2)
Yervoy (ipilimumab)

TERAPIE MIRATE A SINGOLO AGENTE
Mekinist (trametinib)
Tafinlar (dabrafenib)
Zelboraf (vemurafenib)

TERAPIE COMBINATE
Braktovi (encorafenib) e Mektovi (binimetinib)
Cotellic (cobimetinib) e Zelboraf (vemurafenib)
Opdivo (nivolumab) e Yervoy (ipilimumab)
Opdualag (nivolumab e relatlimab-rmbw)
Tafinlar (dabrafenib) e Mekinist (trametinib)
Tecentriq (atezolizumab) più Cotellic (cobimetinib) e Zelboraf® (vemurafenib)

CHEMIOTERAPIA
DTIC (dacarbazina)

Radioterapia

Le radiazioni vengono utilizzate in alcune situazioni per rallentare la crescita del tumore o ridurre un tumore in organi in cui la chirurgia non è possibile o non è raccomandata. Viene anche usato per alleviare i sintomi causati da tumori, come nel cervello o nelle ossa.

Studi clinici

Gli studi clinici sono studi di ricerca per valutare nuove terapie e migliorare la cura del cancro. Questi studi sono responsabili della maggior parte dei progressi nella prevenzione, nella diagnosi e nel trattamento del cancro. Questi studi offrono l’accesso a nuove promettenti terapie che non sono ancora disponibili al di fuori degli studi clinici perché sono ancora in fase di sperimentazione. Potresti essere idoneo a partecipare a una sperimentazione clinica.

Diversi trattamenti sperimentali sono attualmente in fase di sperimentazione in studi clinici.

  • Immunoterapie: progettate per potenziare la risposta immunitaria del corpo ai tumori. Le terapie studiate negli studi clinici stanno cercando di stimolare il sistema immunitario con obiettivi di maggiore efficacia o minore tossicità rispetto ai trattamenti attualmente disponibili. Le prove stanno studiando gli agenti coinvolti nell’innesco e nell’attivazione del sistema immunitario, nell’infiltrazione delle cellule T nei tumori, nel riconoscimento delle cellule T delle cellule tumorali e nel miglioramento dell’uccisione delle cellule T delle cellule tumorali.
  • Terapie mirate: progettate per inibire mutazioni e percorsi che promuovono la crescita e la sopravvivenza delle cellule tumorali. Alcuni studi clinici sono progettati per pazienti con mutazioni specifiche nei loro tumori (ad esempio, BRAF) e quindi richiedono test per determinare se i pazienti sono appropriati per una determinata terapia.
  • Vaccini: sviluppati per colpire una proteina comune trovata nel melanoma o talvolta personalizzati per proteine ​​​​specifiche per il tumore di un paziente
  • Trasferimento cellulare adottivo [ACT]: il trasferimento di cellule immunitarie cresciute e stimolate dal tumore di un paziente, spesso indicato come linfociti infiltranti il ​​tumore [TIL], sebbene ACT possa anche utilizzare cellule geneticamente modificate e non necessariamente derivate da TIL specifici di un paziente .
  • Chemioterapia
  • Combinazioni: studi per combinare diversi trattamenti sistemici, nonché studi per verificare se la combinazione di trattamenti sistemici con chirurgia, radiazioni e altre terapie può migliorare i risultati nei pazienti.

Oltre a condurre studi clinici per testare la sicurezza e l’efficacia di nuovi trattamenti, molti ricercatori stanno anche lavorando per determinare perché le terapie funzionano in alcuni pazienti ma non in altri, e perché a volte smettono di funzionare dopo il successo iniziale. Questa ricerca dipende dalla partecipazione dei pazienti a studi clinici e talvolta a studi paralleli che consentono ai ricercatori di analizzare campioni di sangue, tessuto tumorale o altri materiali. Gli studi clinici hanno il potenziale per aiutare i pazienti che attualmente hanno il melanoma, ma altrettanto importante, hanno il potenziale per aiutare i pazienti con melanoma in futuro. Forniscono ai pazienti ancora più opzioni rispetto alle terapie attualmente esistenti e sono generalmente molto ben studiate e regolamentate dall’IRB e dalla FDA per garantire di ridurre al minimo i rischi e massimizzare i benefici per i pazienti.

Se a te o a qualcuno che ami è stato diagnosticato un melanoma in stadio IV o ne sei in fase di valutazione, questa pubblicazione è progettata per aiutare te e il tuo team oncologico a valutare le opzioni di trattamento e identificare le diverse considerazioni nel decidere il corso del trattamento. Utilizzando questa guida, tu e il tuo team potete valutare le opzioni per prendere la decisione giusta per voi.