Scopo: Opdualag è una combinazione di nivolumab (Opdivo), un anticorpo che blocca il recettore della morte programmata-1 (PD-1), e relatlimab, un anticorpo che blocca il gene-3 di attivazione dei linfociti (LAG-3), indicato per il trattamento di adulti e pazienti pediatrici di età pari o superiore a 12 anni con melanoma non resecabile (melanoma che non può essere completamente rimosso chirurgicamente) o metastatico.

Come funziona: Opdivo è un anticorpo monoclonale umanizzato progettato per bloccare un bersaglio cellulare noto come PD-1, che si traduce in una risposta immunitaria antitumorale. Relatlimab aiuta ad attaccare il cancro migliorando l’attività delle cellule T prendendo di mira una proteina chiamata LAG-3. La combinazione di nivolumab (anti-PD-1) e relatlimab (anti-LAG-3) determina una maggiore attivazione dei linfociti T rispetto all’attività di entrambi gli anticorpi da soli.

Quali pazienti: Opdualag è approvato per il trattamento di pazienti adulti e pediatrici (di età pari o superiore a 12 anni) con melanoma in stadio III che non può essere rimosso chirurgicamente o melanoma in stadio IV.

Come viene somministrato: Opdualag è una combinazione a dose fissa di nivolumab e relatlimab e viene somministrato per via endovenosa in una singola infusione della durata di 30 minuti. La dose approvata dalla FDA per i pazienti adulti e i pazienti pediatrici di età pari o superiore a 12 anni che pesano almeno 40 kg è 480 mg di nivolumab e 160 mg di relatlimab. Viene somministrato ogni quattro settimane. Il dosaggio per i pazienti pediatrici (di età pari o superiore a 12 anni) che pesano meno di 40 kg non è stato determinato.

Efficacia: secondo i dati di RELATIVITY-047, uno studio clinico di Fase 2/3, Opdualag ha mostrato un beneficio di sopravvivenza libera da progressione statisticamente e clinicamente significativo rispetto al solo nivolumab. Opdualag ha più che raddoppiato la sopravvivenza mediana libera da progressione rispetto alla monoterapia con opdivo.

Effetti collaterali: Opdualag può causare reazioni avverse immuno-mediate (IMAR) gravi e fatali. Si tratta di reazioni avverse al farmaco che possono essere gravi o fatali e possono verificarsi in qualsiasi tessuto o organo. Gli IMAR possono manifestarsi in qualsiasi momento dopo l’inizio del trattamento e possono anche continuare dopo l’interruzione del trattamento.

Importante: l’identificazione e la gestione precoci degli IMAR sono essenziali per garantire un uso sicuro. Eventuali nuovi sintomi o segni devono essere segnalati al medico.

Polmonite immuno-mediata (problemi polmonari): Opdualag può causare polmonite immuno-mediata, che può essere fatale. I sintomi della polmonite possono includere:

  • Tosse nuova o in peggioramento
  • Dolore al petto
  • Fiato corto

Colite immuno-mediata (problemi intestinali): questi problemi possono portare a lacrime o buchi nell’intestino. Segni e sintomi di colite possono includere:

  • Diarrea (feci molli) o più movimenti intestinali del solito
  • Sangue nelle feci o feci scure, catramose e appiccicose
  • Grave dolore o dolorabilità alla zona dello stomaco (addome).

Epatite immuno-mediata (problemi al fegato): segni e sintomi di epatite possono includere:

  • Ingiallimento della pelle o del bianco degli occhi
  • Forte nausea o vomito
  • Dolore sul lato destro della zona dello stomaco (addome)
  • Sonnolenza
  • Urina scura (color tè)
  • Sanguinamento o lividi più facilmente del normale
  • Sentirsi meno affamati del solito

Endocrinopatie immuno-mediate (problemi alle ghiandole ormonali), in particolare tiroide, pituitaria e ghiandole): Segni e sintomi che le ghiandole ormonali non funzionano correttamente possono includere:

  • Mal di testa che non andrà via o mal di testa insoliti
  • Stanchezza estrema
  • Aumento o perdita di peso
  • Cambiamenti nell’umore o nel comportamento, come diminuzione del desiderio sessuale, irritabilità o dimenticanza
  • Vertigini o svenimento
  • La perdita di capelli
  • Sentire freddo
  • Stipsi
  • La voce diventa più profonda

Nefrite immuno-mediata con disfunzione renale (problemi renali, inclusi nefrite e insufficienza renale): i segni di problemi renali possono includere:

  • Diminuzione della quantità di urina
  • Sangue nelle tue urine
  • Gonfiore alle caviglie
  • Perdita di appetito

Reazioni avverse dermatologiche immuno-mediate (rash o dermatite)

Miocardite immuno-mediata (infiammazione del muscolo cardiaco e infiammazione del rivestimento esterno del cuore)

Altre reazioni avverse immuno-mediate: queste reazioni avverse si verificano molto meno frequentemente. Indipendentemente da ciò, eventuali nuovi sintomi o segni dovrebbero essere segnalati al medico.

I segni di questi problemi includono:

  • Cardiaco/vascolare: pericardite, vasculite (dolore al petto, mancanza di respiro, battito cardiaco accelerato o dolore/gonfiore a un’estremità o ad un’altra parte del corpo)
  • Sistema nervoso: meningite, encefalite, mielite e demielinizzazione, sindrome miastenica/miastenia grave (inclusa esacerbazione), sindrome di Guillain-Barré, paresi nervosa, neuropatia autoimmune (confusione, difficoltà di coordinazione, intorpidimento, formicolio, perdita della funzione muscolare, debolezza muscolare, difficoltà a camminare)
  • Oculare: possono verificarsi uveite, irite e altre tossicità infiammatorie oculari (sensazione di corpo estraneo negli occhi, arrossamento e prurito oculare, visione offuscata o altri cambiamenti nella vista, sensibilità alla luce, cecità) Alcuni casi possono essere associati al distacco della retina. Possono verificarsi vari gradi di disabilità visiva, inclusa la cecità.
  • Gastrointestinale: pancreatite inclusi aumenti dei livelli sierici di amilasi e lipasi, gastrite, duodenite (grave dolore addominale, nausea/vomito, diarrea, perdita di appetito)
  • Tessuto muscoloscheletrico e connettivo: miosite/polimiosite, rabdomiolisi (e sequele associate inclusa insufficienza renale), artrite, polimialgia reumatica (dolore muscolare grave o perdita della funzione muscolare)
  • Endocrino: ipoparatiroidismo (cambiamenti dei livelli di calcio nel sangue, dolori muscolari/crampi, affaticamento/debolezza, spasmi o contrazioni a mani/braccia/intorno alla bocca, formicolio/sensazioni di bruciore a labbra/dita dei piedi/punta delle dita, pelle secca, unghie fragili)
  • Altro (ematologico/immunitario): anemia emolitica, anemia aplastica, linfoistiocitosi emofagocitica, sindrome da risposta infiammatoria sistemica, linfoadenite necrotizzante istiocitica (linfoadenite di Kikuchi), sarcoidosi, porpora trombocitopenica immunitaria, rigetto del trapianto di organi solidi (modifiche significative nell’emocromo, lividi, infezioni ricorrenti , febbre senza infezione, ingrossamento dei linfonodi)

Reazioni correlate all’infusione:

Questa è una reazione che si verifica durante o immediatamente dopo la somministrazione del farmaco. I sintomi di una reazione correlata all’infusione possono variare ma possono includere i seguenti: febbre, aumento della frequenza cardiaca, variazioni della pressione sanguigna, respiro corto, vampate di calore, eruzione cutanea, dolore e tosse. Eventuali nuovi sintomi durante o immediatamente dopo l’infusione devono essere segnalati al team sanitario.

Complicazioni del trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (HSCT): potrebbero verificarsi complicazioni se riceve cellule staminali da donatore (trapianto di cellule staminali allogeniche) prima o dopo il trattamento con opdualag.

Tossicità embrio-fetale: Opdualag può causare danni al feto se somministrato a una donna incinta. Le donne in età fertile devono usare un metodo contraccettivo efficace durante il trattamento e almeno 5 mesi dopo l’ultima dose di opdualag.

Allattamento: Opdualag può essere escreto nel latte materno e, a causa del potenziale rischio di gravi reazioni avverse in un bambino allattato al seno, si consiglia alle pazienti di non allattare al seno durante il trattamento e per almeno 5 mesi dopo l’ultima dose di Opdualag.