Cos’è l’immunoterapia?

Il sistema immunitario consente al tuo corpo di distinguere le proprie cellule sane da cellule e organismi anormali o estranei. Questi invasori estranei includono virus, batteri e altri organismi che causano malattie. Ad esempio, il tuo sistema immunitario di solito riconosce una cellula infetta da un virus, ed è per questo che ti riprendi da un raffreddore, ma il sistema immunitario ha più difficoltà a prendere di mira le cellule tumorali.

Ci sono limiti alla capacità del sistema immunitario di combattere il cancro da solo, perché molte persone con un sistema immunitario sano sviluppano ancora il cancro. A volte il sistema immunitario non vede le cellule tumorali come estranee perché le cellule non sono abbastanza diverse dalle cellule normali. A volte il sistema immunitario riconosce le cellule tumorali, ma la risposta potrebbe non essere abbastanza forte da distruggere il cancro. Le stesse cellule tumorali possono anche emettere sostanze che tengono sotto controllo il sistema immunitario. Per superare questo problema, i ricercatori hanno trovato modi per aiutare il sistema immunitario a riconoscere le cellule tumorali e rafforzare la sua risposta in modo che possa distruggerle. L’immunoterapia è un trattamento che utilizza alcune parti del sistema immunitario per combattere malattie come il melanoma:

  • Stimolare il proprio sistema immunitario a lavorare di più o in modo più intelligente per attaccare le cellule tumorali.
  • Dare al tuo sistema immunitario componenti, come le proteine ​​del sistema immunitario artificiali, per combattere le cellule tumorali.

Alcuni tipi di immunoterapia sono anche chiamati terapia biologica o bioterapia.

Tipi di immunoterapia del melanoma

I principali tipi di immunoterapia attualmente utilizzati per il trattamento del melanoma includono:

  • Inibitori del checkpoint immunitario: questi farmaci sono anticorpi monoclonali progettati per colpire i recettori sulla superficie delle cellule immunitarie per attivare o inibire la loro funzione. Yervoy (ipilimumab), opdivo (nivolumab) e keytruda (pembrolizumab) sono esempi che agiscono sostanzialmente eliminando i “freni” dal sistema immunitario, che aiuta le cellule immunitarie a riconoscere e attaccare le cellule tumorali. Un altro tipo di anticorpo monoclonale aiuta a rafforzare il sistema immunitario aiutando a coinvolgere le cellule T mirate al melanoma uveale. Kimmtrak è un T-engager non specifico che si lega al complesso HLA-A*02:01/gp100, un marcatore che si trova spesso sulle cellule tumorali del melanoma uveale. Questo aiuta le cellule T del tuo corpo a riconoscere, attaccare e uccidere le cellule tumorali del melanoma uveale.
  • Vaccini contro il cancro: i vaccini sono sostanze introdotte nell’organismo per avviare una risposta immunitaria contro determinate proteine ​​o parti del cancro. Di solito pensiamo che vengano somministrati a persone sane per aiutare a prevenire le infezioni, ma alcuni vaccini possono aiutare a prevenire o curare il cancro.
  • Terapie cellulari: le terapie cellulari utilizzano le cellule immunitarie del paziente che vengono rimosse dal corpo, elaborate in un laboratorio con l’obiettivo di aiutare queste cellule a essere più efficaci nella lotta contro il cancro e quindi reinfuse nel corpo del paziente. Questi tipi di terapie includono i linfociti infiltranti il ​​tumore (“TIL”) e la terapia con cellule T del recettore dell’antigene chimerico (CAR). Queste terapie non sono approvate dalla FDA e sono oggetto di studio in studi clinici.
  • Molte nuove terapie immunitarie sono nelle prime fasi di sviluppo per determinare la sicurezza, la tossicità e l’efficacia e sono allo studio su studi clinici.

Farmaci per l’immunoterapia approvati dalla FDA per il melanoma

I seguenti sono approcci approvati dalla FDA in immunoterapia:

  • Interferoni: Introne A (interferone) e Sylatron (peginterferone alfa-2b) (nota: fuori produzione)
  • Immunoterapia con inibitori del checkpoint: Yervoy, Keytruda e Opdivo
  • Immunoterapia combinata: Yervoy e Opdivo
  • Immunoterapia combinata con terapia mirata: Tecentriq (immunoterapia), Cotellic e Zelboraf (combinazione di terapia mirata)
  • Interleuchine: Proleuchina/IL-2 (interleuchina-2)
  • Vaccino: Imlygic (talimogene laherparepvec “T-VEC”) è una forma di immunoterapia che viene iniettata nel tumore (vedi vaccini per maggiori informazioni su T-VEC)
  • T-engager bispecifico, o BiTE: Kimmtrak

Gli approcci sperimentali in immunoterapia includono:

Anticorpi immunomodulanti

Ci sono diversi nuovi obiettivi che sono attualmente sotto inchiesta. Inoltre, molti di questi nuovi target sono anche in fase di sperimentazione in combinazione con terapie già approvate per il trattamento di pazienti il ​​cui melanoma ha smesso di rispondere al trattamento immunoterapico con anti-PD1 e/o anti-CTLA4. La speranza è che la combinazione di questi agenti porti a tassi di risposta più elevati.

MOLECOLE DI CHECKPOINT INIBITORI:

PD-L1 (ligando di morte programmata 1) è espresso sulle cellule tumorali e si lega al recettore PD-1, che è un recettore inibitorio immunitario espresso dai linfociti attivati ​​(un tipo di cellula nel sistema immunitario). Quando PD-L1 si lega a PD-1, inibisce la capacità della cellula immunitaria di uccidere la cellula tumorale. Pertanto, PD-L1 agisce come una sorta di “scudo tumorale”. Sia il recettore (PD-1) che il suo ligando (PD-L1) possono essere bloccati con anticorpi specifici. Opdivo e keytruda, che sono spiegati nella sezione sui farmaci approvati dalla FDA di questo sito Web, prendono di mira il recettore PD-1. Atezolizumab e Durvalumab sono due anticorpi PD-L1 in fase di studio. Per ulteriori informazioni, vedere le sezioni Terapia mirata e Farmaci approvati dalla FDA di questo sito Web.

TIM-3 è espresso sui linfociti T attivati ​​e regola la funzione immunitaria. Legandosi a determinate proteine, TIM-3 provoca la morte delle cellule immunitarie. Pertanto, TIM3 funziona come un regolatore negativo della funzione dei linfociti T. Gli anticorpi TIM-3 sono in corso di valutazione in pazienti con melanoma avanzato, in combinazione con anticorpi anti-PD1.

LAG3 è espresso anche sulle cellule immunitarie e ha un impatto negativo sulla proliferazione e attivazione cellulare. BMSl-986016 (un anticorpo LAG3) è stato testato in combinazione con Opdivo (nivolumab) in pazienti la cui malattia era progredita con il solo anti-PD1 e i dati preliminari sono incoraggianti.

L’IDO è un enzima che si trova all’interno di alcune cellule. Influisce negativamente sulla funzione delle cellule T esaurendo il triptofano, consentendo alle cellule tumorali di “fuggire” dal sistema immunitario. Uno studio di fase III per valutare l’aggiunta di un inibitore dell’IDO a Keytruda non ha ridotto la probabilità che il cancro continui a crescere rispetto al pembrolizumab da solo.

MOLECOLE DI CHECKPOINT STIMOLATORIE:

Il CD40 è una molecola sulla superficie delle cellule immunitarie e svolge un ruolo nell’attivazione dei linfociti T. In uno studio di fase I, CP-870.983 (un anticorpo CD40) ha mostrato una certa attività in combinazione con tremelimumab (un anticorpo bloccante CTLA-4). Uno studio di fase I/II sta valutando APX005M (un anticorpo CD40) in combinazione con Opdivo (nivolumab) in pazienti con melanoma avanzato e carcinoma polmonare non a piccole cellule.

4-1BB (CD 137) fornisce segnali di costimolazione ai linfociti T. Urelumab, un anticorpo CD137, ha mostrato risultati promettenti se combinato con nivolumab in pazienti con melanoma avanzato.

I recettori simili alle immunoglobuline delle cellule killer KIR sono molecole inibitorie che sottoregolano il sistema immunitario. Lirilumab (BMS-986015) è un anticorpo progettato per inibire il KIR ed è stato studiato in combinazione con Yervoy (ipilimumab) e Opdivo (nivolumab), sebbene i risultati fino ad oggi non siano stati molto promettenti in altri tipi di malattie.

Terapia adottiva con cellule T (ACT)

ACT è un metodo di trattamento che utilizza le cellule T del paziente, che vengono rimosse e quindi cresciute, espanse e modificate in laboratorio per migliorarne la funzione. Queste cellule vengono quindi reinfuse nel paziente in combinazione con altre terapie come la chemioterapia e l’immunoterapia.

La maggior parte degli studi clinici ha utilizzato i TIL (linfociti infiltranti il ​​tumore), le cellule immunitarie presenti all’interno del tumore, per generare il trattamento con cellule T. I pazienti che vengono trattati con questa metodica devono prima sottoporsi a resezione chirurgica del tumore; quindi i TIL vengono isolati dalle cellule tumorali in laboratorio, ampliati in numero e modificati in laboratorio. Quando le cellule sono pronte per l’infusione, il paziente deve prima ricevere alte dosi di chemioterapia per sopprimere il sistema immunitario del paziente in modo che le cellule T infuse non vengano rifiutate e rese non funzionali. Infine, le cellule T vengono infuse nel paziente.

In uno studio clinico, oltre il 50% dei pazienti ha risposto alla terapia, sebbene la selezione dei pazienti e la mancanza di accesso generale a tali trattamenti renda difficile generalizzare questi risultati in questo momento. Queste risposte sono molto eccitanti, ma l’ACT può essere una terapia molto difficile da produrre: solo pochi centri hanno laboratori e medici in grado di fornirla. Inoltre, molti pazienti non sono abbastanza sani per tollerare questa rigorosa forma di terapia. Questo approccio è stato valutato anche per pazienti con melanoma uveale in stadio IV, con risultati promettenti.

L’immunoterapia funziona per me? Ciò che un prelievo di sangue può rivelare

Non è raro che i pazienti in stadio IV provino più di una terapia per il melanoma. Non sappiamo ancora perché alcuni pazienti rispondono bene a un trattamento e altri no, ma è una fortuna che ora abbiamo una serie di opzioni di trattamento per i pazienti in stadio IV. Solo dieci anni fa, il panorama del trattamento era rigido.

È disponibile un nuovo esame del sangue per i pazienti in stadio IV che può aiutare a valutare se il trattamento immunoterapico sta funzionando e quindi aiutare a guidare le decisioni sul trattamento. L’opuscolo di seguito spiega come funziona il test, fornisce esempi di come il test potrebbe aiutare a guidare le decisioni terapeutiche e offre una sezione FAQ che risponde a domande finanziarie.