Cosa sono i vaccini contro il cancro?

Un vaccino è una forma sperimentale di trattamento che stimola il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni sulla superficie delle cellule tumorali come invasori estranei. I vaccini contro il cancro sono trattamenti immunoterapici che cercano di stimolare la risposta immunitaria nei pazienti il ​​cui cancro è stato rimosso, con l’obiettivo del vaccino di prevenire la ricomparsa del cancro o nei pazienti attualmente malati di cancro con l’obiettivo del vaccino di stimolare il sistema immunitario a combattere cancro attivo. I vaccini vengono iniettati nel paziente sotto la pelle o nel sistema sanguigno o linfatico. Questi vaccini sono diversi da quelli usati per prevenire le infezioni.

Il cancro ha origine dalle cellule del corpo e il sistema immunitario potrebbe, quindi, non essere in grado di riconoscere le cellule tumorali come invasori estranei nella stessa misura in cui lo fa con virus o batteri. Di conseguenza, potrebbe non combattere il cancro nella stessa misura in cui combatte le infezioni. I vaccini contro il cancro spingono il sistema immunitario a riconoscere e combattere le cellule tumorali.

Ci vuole tempo prima che il corpo costruisca le proprie difese, quindi gli effetti benefici di un vaccino possono richiedere mesi prima che si manifestino. Quando hanno successo, tuttavia, i vaccini possono promuovere un controllo del tumore di lunga durata e possono causare meno effetti collaterali rispetto alla chemioterapia e ad altre forme di immunoterapia come l’interferone e l’interleuchina.

Vaccini approvati dalla FDA per il melanoma

  • Imylgic (talimogene laherparepvec, “T-Vec”) è un tipo di vaccino derivato dal virus dell’herpes, ma è geneticamente modificato in modo da non causare un’infezione virale. Questo vaccino viene iniettato nel tumore e dopo l’iniezione il virus è in grado di dividersi solo nelle cellule tumorali, causandone la morte. Il sistema immunitario attivato può quindi combattere altri tumori nel corpo che non sono stati iniettati. Un ampio studio di fase III ha dimostrato un tasso di risposta duraturo e studi che combinano Imylgic con Keytruda, Opdivio o Yervoy hanno mostrato risultati promettenti.

I vaccini attualmente sotto indagine includono:

  • PV10 è un farmaco sperimentale contenente rosa bengala, che viene iniettato nei tumori del melanoma cutaneo. In uno studio di fase II su 80 pazienti, sia i tumori iniettati che quelli non iniettati si sono ridotti. Attualmente è in corso uno studio clinico di fase III che confronta il PV10 con la chemioterapia o Imilgic in pazienti che non sono candidati alla terapia mirata o all’immunoterapia.
  • I vaccini contro il cancro personalizzati sviluppati utilizzando il tumore precedentemente rimosso chirurgicamente dal paziente sono anche in fase di sviluppo e in varie fasi degli studi clinici.