Raggi ultravioletti ad ampia lunghezza d’onda (320-400 nanometri) rilasciati dal sole, dai letti solari e lampade per l’abbronzatura. Entrano nella pelle più in profondità dei raggi UVB, causano l’invecchiamento precoce della pelle e sono ritenuti causare il cancro della pelle.